Quali sono gli stadi dell’infezione da HIV?

L’infezione da HIV ha un decorso ben definito anche se, sulla base di molteplici fattori, può variare da persona a persona.

INFEZIONE ACUTA

Entro 2-4 settimane dal contagio molte persone sviluppano sintomi simili all’influenza: febbre, ingrossamento dei linfonodi, mal di gola, eruzione cutanea, dolori muscolari e articolari, e mal di testa.


Nell’organismo vengono prodotte grandi quantità di virus.
Il rischio di trasmissione è altissimo.

LATENZA CLINICA

Il virus si riproduce a bassa velocità, anche se è ancora attivo.
I sintomi possono essere assenti o lievi.


Con un trattamento anti-HIV adeguato è possibile vivere in questa fase per decenni.


In assenza di trattamento questo periodo dura una decina di anni o meno; poi la carica virale aumenta, i CD4 diminuiscono e compaiono i sintomi costituzionali.


Esiste ancora il rischio di trasmettere l’infezione da HIV ad altre persone (anche se la terapia riduce questo rischio).

AIDS

Il sistema immunitario è fortemente compromesso e si diventa vulnerabili a infezioni opportunistiche (vedi “HIV e AIDS, che cosa sono?”).


La conta dei CD4 scende al di sotto delle 200 cellule per mm3.
In assenza di trattamento la sopravvivenza è di circa 3 anni e se si è già sviluppata una malattia opportunistica l’aspettativa di vita è di circa 1 anno.

Una terapia farmacologica effettuata nel modo corretto permette di mantenere una carica virale ridotta ed evitare la progressione ad AIDS.

 

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Altrimenti accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner.

Ok