Assistenza domiciliare

L’assistenza per i malati non autosufficienti

Il servizio sanitario nazionale italiano assicura alle persone non autosufficienti un’assistenza domiciliare che consiste in un insieme di trattamenti medici, infermieristici e riabilitativi necessari per stabilizzare il quadro clinico, limitare il declino funzionale e migliorare la qualità della vita. Dal 1990 (legge 135/90) questo diritto è finalmente stato riconosciuto anche alle persone sieropositive che possiedono i seguenti requisiti:

  • Malati terminali che non necessitano di ulteriori ricoveri
  • Persone impossibilitate in maniera temporanea o permanente, per  problematiche di deambulazione o difficoltà territoriali, a fruire del servizio ambulatoriale o di day hospital
  • Persone affette da AIDS dementia complex
  • Persone affette da emiparesi, paraparesi, tetraparesi
  • Persone affette da psicosi o gravi turbe psichiche
  • Persone con difficoltà sociali, quali: madri con bambini sotto l'anno di età,  detenuti agli arresti domiciliari.

L’assistenza domiciliare per le persone con AIDS è garantita da associazioni di volontariato e organizzazioni assistenziali diverse in base al DM del 13 settembre 1991 e DPR del 14 settembre del 1991, con cui si assicura che tali associazioni forniscano personale formato e autorizzato. Le spese per il personale sono completamente coperte dal Sistema Sanitario Nazionale.

Case alloggio.

Alcune di queste organizzazioni/associazioni partecipano attivamente alla gestione di Case alloggio, distribuite su quasi tutto il territorio nazionale e gestite dal C.I.C.A (Coordinamto italiano delle Case alloggio per persone con HIV/AIDS); il C.I.C.A. riunisce, coordina e rappresenta, nei rapporti con gli organismi territoriali, nazionali e internazionali, le strutture di accoglienza definite “Case Alloggio”, “Appartamenti” o “Centri diurni".
Le norme nazionali vengono applicate dalle regioni anche in base alle esigenze specifiche del territorio. Questo spesso si traduce in una non omogeneità di supporto offerto; come per ogni altro tipo di servizio sanitario, anche in questo caso è possibile che una regione non offra lo stesso servizio di un’altra. in caso di necessità occorre quindi informarsi sui servizi offerti nella propria regione o comune.

Fonti utili

www.sieropositivo.it/area-volontariato/assistenza-ai-malati.html
www.uniticontrolaids.it/aids-ist/in-caso-di-infezione/associazioni.aspx
Rapporti ISTISAN12/8 La normativa italiana in materia di HIV, AIDS e Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST) www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1963_allegato.pdf

 

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Altrimenti accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner.

Ok